Sposiamoci! Si, ma solo in viaggio

Da qualche anno ormai c’è un fenomeno che pare interessare congiuntamente sia gli operatori del turismo che quelli del settore matrimoni. Si tratta del fenomeno dei destination wedding e si tratta di quella tendenza, sempre più diffusa, per cui una coppia decide di celebrare le proprie nozze in una città o in una nazione che non è la sua. La nostra bella Italia, grazie alle sue bellezze naturalistiche e artistiche, è inutile dirlo una delle mete più ambite per quanto i destination wedding.

Il fotografo di matrimonio di Udine Glauco Comoretto, grazie all’esperienza maturata al fianco di numerose coppie di sposi stranieri che ha avuto modo di fotografare tra Friuli, Toscana e Venezia ci spiega quali sono le caratteristiche di questo fenomeno.

Prima di tutto c’è da dire che gli sposi che dall’estero decidono di sposarsi in Italia sono sposi che hanno a disposizione budget molto elevati, budget che permettono loro di non badare a spese. Questo permette loro di affittare le più suggestive location per matrimoni e di ingaggiare i migliori professionisti del settore matrimonio. Spesso molte coppie richiedono preventivi solo a livello indicativo in quanto il prezzo, come detto sopra, non è un problema.

Per quanto riguarda le nazioni di provenienza di questi sposi essi sono fondamentalmente Inglesi, Americani e Canadesi, ma anche Russi e Indiani. Si tratta di sposi che portano con se tradizioni, usi e costumi molto lontani dai nostri, ma che allo stesso tempo portano con se un esiguo numero di invitati. Questo è motivato ovviamente dalla difficoltà logistica connessa a far pernottare e muovere un grande numero di persone. Non è raro che questi sposi facciano in Italia una cerimonia molto intima con pochi invitati selezionati e poi nel paese d’origine venga organizzata una festa per tutti coloro che non hanno potuto partecipare alla cerimonia in Italia.

Parliamo un po’ di location. Tra gli sposi che dall’estero vengono a sposarsi in Italia ci sono determinate città ed aree particolarmente di tendenza. Si tratta delle città d’arte come Roma, Verona, Firenze e Venezia, dell’area del lago di Como e di Garda, dei verdeggianti vigneti della Toscana o dalle scogliere a picco sul mare della scogliera Amalfitana in Campania. Le location affittate per cerimonia e festeggiamenti, come detto sopra solo le più prestigiose. Vengono infatti affittate casali in campagna, ville d’epoca, castelli medievali o moderni resort.

Nell’organizzazione un destination wedding, il ruolo chiave è rappresentato dai wedding planner. Sono questi professionisti che a distanza attraverso internet e telefono, affiancheranno gli sposi per trovare la location e selezionare i fornitori che fanno al caso loro. Il wedding planner quindi dovrà non solo avere un nutrito network di professionisti dalla conclamata professionalità, ma dovranno anche parlare perfettamente inglese e padroneggiare l’uso di internet.

Tramite internet infatti verranno definiti la maggior parte degli elementi relativi al matrimonio mentre pochi giorni prima dei matrimonio, quando gli sposi saranno giunti in Italia, gli ultimi dettagli verranno definiti direttamente dal vivo.

Non è raro poi che gli sposi che hanno deciso di celebrare il loro matrimonio in Italia vi si trattengano anche per il viaggio di nozze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *