Come fare la disdetta per le utenze domestiche

Quando si trasloca, a volte è necessario chiudere le utenze domestiche oppure provvedere a far cambiare intestatario. Alcuni di voi, però, avranno la necessità di chiudere l’utenza, ad esempio, quando viene a mancare chi viveva nella casa allacciata. Vediamo insieme cosa bisogna fare per ciascuna.

Prima di procedere con la richiesta, è sempre meglio individuare con accuratezza eventuali clausole presenti nel contratto firmato con l’azienda erogatrice dei servizi. Nella maggior parte dei casi, non verrà preteso il versamento di alcuna penale ma, per evitare fastidiose sorprese, è preferibile essere categoricamente informati circa qualsiasi possibilità.

Dopo aver preso in esame il contratto, possiamo procedere con la richiesta di disdetta. Questa può essere fatta telefonicamente, tramite raccomandata o recandosi di persona presso lo sportello aperto al pubblico dell’azienda. In tutti i casi descritti, è necessario avere a portata di mano la seguente documentazione:

  • copia del documento d’identità
  • codice fiscale
  • l’ultima bolletta ricevuta

Disdetta contratto per la fornitura della luce

Chi ha stipulato il contratto con Enel Energia può disdire il contratto telefonando al numero verde 800 900 800, comunicando all’operatore il proprio codice cliente e l’ultima lettura del contatore. L’annullamento del contratto è immediato.

L’operatore vi chiederà una serie di dati:

  • numero cliente, riportato nella bolletta
  • indirizzo dove è attiva la fornitura
  • nominativo dell’intestatario
  • codice fiscale o partita IVA
  • lettura del contatore
  • decorrenza della sospensione
  • indirizzo dove inviare il conguaglio

In alternativa si può procedere online, registrandosi al sito ufficiale e procedendo in autonomia nell’area clienti, oppure recandosi di persona al Punto Enel più vicino.

I clienti di Edison, invece, devono mandare la richiesta di disdetta tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Si dovrà scaricare il fac simile del modulo di disdetta, compilarlo, firmarlo e spedirlo a questo indirizzo: Edison Energia S.p.A. – Servizio Clienti Edison, Codice Postale 94, 20080 – BASIGLIO (MI). Se volete maggiori chiarimenti in merito, potete chiamare il numero verde gratuito 800 14 14 14

Disdetta del gas

Essendo ogni comune servito da un’azienda diversa bisognerà informarsi e rivolgersi presso i rispettivi uffici e siti internet.

Nel caso in cui si fossimo serviti da Eni, si dovrà chiamare il servizio clienti al numero 800 900 700 o recarsi di persona all’Energy store più vicino.

I dati richiesti per la cessazione del servizio sono i seguenti:

  • codice cliente
  • codice PDR
  • lettura del contatore
  • indirizzo dove inviare il conguaglio

È possibile procedere anche attraverso raccomanda A/R, compilando il modulo di disdetta e allegando la copia di un documento d’identità. L’indirizzo a cui spedire la raccomanda è: ENI S.P.A., piazzale Enrico Mattei, 1, 00144 ROMA.

Chiudere la fornitura dell’acqua

La disdetta dell’acqua comprende la chiusura dell’allacciamento alla rete idrica e alla fognatura che generalmente viene trasferita insieme all’utente che darà comunicazione della nuova abitazione.

I clienti ACEA devono inviare una lettera di disdetta, indicando chiaramente la loro volontà. I dati richiesti sono i soliti, codice cliente, codice fornitura, indirizzo dove è attiva la fornitura, indirizzo per il conguaglio. Tutti i dati sono facilmente reperibili nell’ultima bolletta ricevuta, senza dimenticarsi la copia del documento d’identità. La comunicazione va inviata al seguente indirizzo: Acea S.p.A., Piazzale Ostiense n. 2, Roma.

In alternativa si può effettuare la disdetta di persona, recandosi presso uno sportello Acea, dove il personale addetto gestirà direttamente la pratica.

Conclusioni

Nel caso il contratto sia cointestato, la richiesta di disdetta deve essere firmata da tutti i cointestatari, allegando le copie dei rispettivi documenti. Per maggiore sicurezza è sempre meglio allegare anche una copia dell’ultima bolletta ricevuta.

Nel caso in cui l’abitazione che state lasciando venga presa da altri, potrebbe essere preferibile evitare la chiusura di tutte le utenze, ma procedere con un subentro/voltura. La voltura consiste nella variazione di titolarità del contratto in caso di uso dell’immobile da parte di persone o società diverse da quella a cui l’utenza è intestata.

La disdetta da parte del precedente intestatario deve essere effettuata contestualmente alla voltura. Il subentro è una successione del contratto riservato al coniuge o altro erede convivente alla data dell’evento.

Nel caso in cui i tempi previsti dal contratto per la chiusura non venissero rispettati dovrete inviare una diffida ad adempiere che è una dichiarazione scritta con cui si intima al gestore il rispetto del contratto con espressa avvertenza che in caso contrario il contratto si intenderà comunque risolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *