Cosa fare in caso di furto o smarrimento del portafogli

Subire il furto del portafogli e in particolare dei propri documenti è una cosa molto disagevole, non tanto dal punto di vista economico, ma per quanto riguarda tutte le pratiche e la perdita di tempo a cui andremo incontro, sia per effettuare le varie denunce, sia per la richiesta dei nuovi documenti che ci sono stati sottratti.

Prima di tutto cerchiamo di capire se abbiamo realmente subito un furto o semplicemente abbiamo appoggiato il portafogli in un posto diverso dal solito. Non vi è mai capitato di non trovare il portafogli per poi ritrovarlo in qualche cassetto della scrivania? Se proprio non salta fuori, possiamo provare a chiamare al telefono i luoghi che abbiamo visitato nelle ultime ore: bar, ristoranti, negozi, uffici. Se la ricerca non va a buon fine, allora abbiamo subito un furto.

Entreremo completamente in uno stato di confusione generale, pensando quando è come sia stato possibile è come mai non c’è, ne siamo resi conto, ma è inutile a questo punto piangere sul latte versato.

La prima cosa più importante da fare soprattutto se ci sono state sottratte carte di credito o bancomat, è quella di mettersi al più presto di telefonare all’apposito numero verde della nostra banca e bloccarle entrambi. Questo ci metterà al sicuro da un eventuale uso improprio delle stesse.

Successivamente dovremo recarci immediatamente presso il locale comando dei Carabinieri o Polizia, dove provvederemo a sporgere regolare denuncia del furto avuto. In questo frangente, l’agente di servizio ci chiederà di elencare con precisione meticolosa tutto quello che ci è stato sottratto. Dopo aver sporto denuncia, ce ne faremo rilasciare tre copie che in seguito ci occorreranno per la richiesta dei vari duplicati (patente, carta d’identità, ecc), una copia dovremo poi portarla in banca per richiedere i duplicati sia della carta di credito sia del bancomat.

Discorso differente per la carta d’identità, infatti, avremo bisogno oltre alla copia della denuncia anche di tre fotografie formato tessera che ci ritraggano in aspetto decoroso, che dovremo poi consegnare all’impiegato dell’ufficio anagrafe della propria città o comune di residenza, di solito se siamo fortunati, ma questo dipende dalla disponibilità dell’addetto, il rilascio della nuova carta d’identità è immediato previo il pagamento di una piccola tassa per il bollo.

Nel caso ci fosse stata rubata anche la patente, dovremo recarci al comando di polizia, dove previa esibizione della denuncia accompagnata da due fototessere, è carta d’identità (nel caso fossimo impossibilitati a presentarla perché ci è stata rubata), dovremo farci accompagnare da due testimoni che garantiscano la nostra identità. Espletate queste procedure ci sarà rilasciato un permesso provvisorio che ci consentirà di guidare, e inoltre la stessa polizia provvederà a inviare la richiesta per il duplicato, la spesa complessiva per la sua richiesta è di quindici euro.

Per la tessera sanitaria dovremo rivolgerci direttamente all’ASL che provvederà subito a rilasciarci il duplicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *